Blog

Promuovere lo skill-up del personale con la Field Service Automation

Oggi si parla tantissimo della necessità di continuare a formarsi per non diventare obsoleti, ma si parla molto poco di professioni molto tradizionali che sì, richiederebbero anche un aggiornamento di competenze tecnologiche, ma che purtroppo non piacciono più. E per le quali si candidano in pochi. Quello del tecnico per l’assistenza in campo ai macchinari è una di queste figure; è un lavoro critico, che richiede un mix di competenze tecniche, problem solving, creatività; e poi la disponibilità a viaggiare, a restare lontano da casa, a volte per parecchie settimane, in posti non sempre sicuri e ospitali, in giro per il mondo.

Nuovi tecnici in campo:  5 trucchi per accelerare il processo di formazione

Sappiamo tutti quanto sia difficile reclutare dei buoni tecnici, e di questo parleremo in un altro post. Ma quando siamo così fortunati da trovarli, vorremmo fare partire al più presto il metaforico timer delle ore fatturabili, e invece i primi tempi sono indispensabili per la formazione: si tratta sicuramente di un “investimento”, ma l’impietoso Conto Economico ci dice che in questa fase sono un mero costo!!! E’ quindi fondamentale avere un processo formativo, o di “Onboarding”, se vogliamo usare un gergo più di moda, che sia rapido, efficace e soprattutto abiliti dei modelli di formazione continua o, sempre volendo usare termini più attuali, di “training on the job”. Se la risorsa è già esperta possiamo pianificare una formazione più breve, ma in generale è uno step inevitabile.

    Post correlati

    003-new-email-outline-1

    Support

    Contact us

    002-phone-call-1

    Need help?

    800.773913

    event

    Want to try Livemote?

    Schedule a demo