Il BIM nel futuro del Facility Management

All Posts

Il BIM nel futuro del Facility Management

Il BIM (Building Information Modeling) è un metodo per la progettazione e la gestione di edifici che si compone non solo di un modello navigabile tridimensionale, ma anche di un database strutturato che descrive ogni componente nel dettaglio, a partire dagli impianti fino ad arrivare alla descrizione puntuale di tutte le attrezzature che vengono installate.

BIM Facility-Management #05 livemoteL'uso di un modello BIM è però ad oggi prevalentemente incentrato nelle fasi di progettazione e costruzione e, spesso, dopo che viene fornito un modello che rappresenta lo stato dell'edificio alla consegna (in gergo tecnico as-built), non viene più aggiornato con le informazioni relative allo stato effettivo di tutte le componenti.

Inoltre, dal 1° gennaio 2019 è entrato in vigore il “Decreto BIM” secondo l’Art. 23 comma 13 del Codice dei contratti, che prevede una progressiva adozione obbligatoria dei metodi e strumenti elettronici di modellazione per l’edilizia e le infrastrutture.

In particolare, gli enti appaltanti sono già obbligati da gennaio del 2019 a richiedere l’uso del BIM per la progettazione di opere pubbliche di importo complessivo pari o superiore ai 100 milioni di Euro. Valore che scenderà progressivamente fino al 2025, quando per tutte le opere sarà necessario l’uso della modellazione digitale.

Si tratta certamente di un mercato applicativo dalle grandi potenzialità che, anche per effetto del Decreto sopra citato, partendo dal Pubblico farà da traino anche per l’edilizia privata e non solo per la progettazione, ma forse, e soprattutto, per la manutenzione degli edifici.

hiclipart.com-id_hjmvuInfatti va tenuto conto che il 70% del costo derivante dal ciclo vita di un edificio è composto dalle attività di manutenzione. Questa considerazione è fondamentale per capire quanto una attività di facility management efficiente e integrata con il BIM, possa essere significativa dal punto di vista economico.

Proviamo a pensare quali potrebbero essere i vantaggi di un’integrazione del BIM con un’applicazione di Field Service Management. Quanto riusciremmo a velocizzare le attività degli operatori di Facility Management? Quali e quanti sarebbero i risparmi?

Ogni oggetto dell’edificio presente nel modello può prevedere piani di manutenzione specifici con attività programmate per quello che riguarda la manutenzione preventiva.

Tali piani possono automaticamente generare ordini di lavorazione sul campo che, se ricevuti dagli operatori  sul proprio smart-device, potrebbero essere eseguiti molto più rapidamente grazie alla possibilità di accedere automaticamente a tutte le informazioni relative all’intervento.

In caso di manutenzione straordinaria sarebbe altresì possibile, sia prima di recarsi sul luogo dell'intervento, che durante la manutenzione, accedere a tutte le informazioni sull'oggetto specifico interrogando il modello BIM: sarebbe quindi possibile, ad esempio, conoscere il modello esatto di un particolare strumento e le sue caratteristiche tecniche, oltre che accedere alla documentazione di installazione o manutenzione nella libreria della propria applicazione mobile, sempre che questa sia collegata in modo univoco con gli asset inclusi nel modello BIM.

L'attività sul campo da parte del tecnico potrebbe inoltre essere resa ulteriormente efficace se lo stesso potesse fare leva su flussi di lavoro automatizzati che consentano di seguire passo passo le procedure previste dal piano manutentivo per quello specifico asset o apparecchiatura.

BIM Facility-Management #01 livemote-1Tutte le attività sul campo verrebbero tracciate grazie alla reportistica automatizzata e i risultati delle attività potrebbe essere inviati indietro al modello BIM che rimarrebbe così sempre aggiornato e coerente con quello che viene effettuato sul campo

I vantaggi di questo incremento di efficienza, si tradurrebbe nella massimizzazione dell'efficacia del modello BIM e del suo investimento (spesso significativo), che non verrebbe più utilizzato solo durante la progettazione ma in tutto il ciclo vita dell'edificio permettendo alla proprietà di avere sempre sotto controllo le attività manutentive che garantiscono il mantenimento del valore dell'investimento immobiliare.

Il risultato finale sarebbe inoltre l’ottimizzazione significativa dei costi di manutenzione grazie alla possibilità di effettuare interventi puntuali, tracciati e standardizzati, riducendo al massimo la necessità delle doppie uscite e fornendo più qualità al cliente.

Parleremo del BIM e del futuro sulle attività di Facility Management il prossimo 6 Novembre presso Il Cosentino City a Milano a partire dalle 14.15. L’ingresso sarà gratuito ma con posti limitati. Per l'iscrizione e il programma della giornata potete cliccare qui

Livemote è una applicazione mobile di Field Service e Facility Management tra le più efficaci sul mercato proprio perché già pronta all’integrazione sul modello BIM.

Inoltre, Livemote, unisce le sofisticate caratteristiche tecnologiche ad una usabilità estremamente semplificata che accelera significativamente l’adozione dell’applicazione da parte degli operatori sul campo che grazie a strumenti come la realtà aumentata e l’instant messaging possono anche ricevere assistenza qualificata in remoto.

Scopri come Livemote può potenziare le tue attività di Facility Management, richiedi subito una demo!

Image Credits : bimO

Francesco Marcantoni
Francesco Marcantoni
Francesco Marcantoni is Livemote CEO and co-founder

Related Posts

Tim Cook : come la AR impatterà sulle nostre vite

Tim Cook, CEO di Apple, durante una cerimonia di premiazione tenutasi a Dublino il 20 gennaio scorso, all...
Continue Reading

“Pronto c’è un problema sulla macchina”: 4 step per avere Clienti soddisfatti e margini migliori

C’è stato un problema in campo: perdita dal circuito lubrificante, ascensore bloccato, bomba d’acqua e co...
Continue Reading

Promuovere lo skill-up del personale con la Field Service Automation

Oggi si parla tantissimo della necessità di continuare a formarsi per non diventare obsoleti, ma si parla...
Continue Reading
003-new-email-outline-1

Support

Contact us

002-phone-call-1

Need help?

+39 0575 169 61 89

event

Want to try Livemote?

Schedule a demo